the underdogs by mariano azuela essay discipline at home and school essay essay on science and superstitious causes of the great depression essay introduction clep english composition essay example

Inga Verbeeck

Per 50mila euro ti sposo

Vanity Fair October 2th, 2013

Buona famiglia, buone maniere, in carriera. Sono i requisiti per iscriversi negli elenchi della Berkeley,  l’agenzia matrimoniale a cinque stelle. Funziona? Nell’80% dei casi sì (anche per le donne). Basta pagare Di Carla Bardelli Prima di combinare matrimoni di lusso, vendeva acciaio per conto di suo padre, proprietario di una fonderia ad Anversa. «Non ci sono molte similitudini fra l’acciaio e l’amore, ma lavorare sulle materie prime mi è servito molto», esordisce Inga Verbeeck, bionda fiamminga, 35 anni. Siamo a Parigi, ultima capitale europea a inaugurare una nuova sede della Berkeley International, agenzia con licenza speciale di accoppiare, previo versamento di svariate decine di migliaia di euro, individui dotati di cospicui patrimoni.

«Ma NON SOLO RICCHI», precisa lei. «Il livello culturale, la buona educazione e soprattutto un certo “uso di mondo” sono requisiti indispensabili» per entrare nel club: circa 5 mila persone in cerca di un
incontro a scopo matrimonio. «Pagare 10 mila euro di iscrizione, per arrivare a superare largamente i 50 mila per i casi più difficili, non è sempre una garanzia di successo», prosegue il presidente. «Noi arriviamo all’80% di clienti sistemati, ma anche per chi alla fine non si sposa, il gioco vale la candela. Stringono amicizie, concludono affari, fanno viaggi…».
Divorziata con un figlio, Inga ha iniziato dopo aver constatato sulla propria pelle la difficoltà di fare incontri casuali soddisfacenti, anche online: «I siti di incontri sono ormai diventati un prêt-à-porter troppo difficile da usare», commenta. «Noi siamo la haute couture dell’incontro amoroso: seguiamo il cliente dall’inizio alla fine, studiando il suo caso al microscopio».
Oltre a Parigi, Londra, Ginevra e Amsterdam, la Berkeley ha una sede anche a Milano, mentre il quartier generale è ad Anversa, dove vengono raccolti tutti i profili dei clienti e un’équipe di 35 persone decide chi mettere insieme a chi. Con una sola regola, sulla parità dei sessi: «Le donne pagano come gli uomini. E non sono alla ricerca del principe azzurro, ma di un compagno che sia alla loro altezza».Lady d’acciaio Inga Verbeeck, 35 anni, dopo aver lavorato nella fonderia del padre, ha creato l’agenzia matrimoniale di lusso Berkeley.

Berkeley International - Press - Italy - 201309 - Vanity Fair

Tesoro, monti tu i mobili dell’ikea?

Niente fiori eprolungati corteggiamenti: oggi anche tu puoi affittare una moglie, eper soli 40 dollari all’ora! Èlo slogan diRent-a-Wife, un’agenzia di Los Angeles che fornisce assistenti personali atutti coloro  (donne incluse) che hanno bisogno di una mano per le incombenze di lavoro opersonali (sesso escluso).  Tre ipacchetti offerti: lo Starter Wife, il Good Wife eil Trophy Wife, rispettivamente di 5, 10 e15 ore al mese.

Tra le attività che possono essere delegate ci sono andare aprendere ibambini ascuola, portare il cane aspasso, equella che forse èla più importante tra tutte: assemblare imobili dell’Ikea. L’idea èvenuta a un’imprenditrice di 53 anni, Juliette Bresnahan, dopo aver sentito le lamentele di chi ha troppi impegnienon ha tempo ovoglia di stare dietro atutto. Ese il rubinetto gocciola opiove dal tetto? Rent-a-Husband esiste già da anni, eadifferenza della maggior parte dei mariti, isuoi impiegati ne capiscono davvero qualcosa. l.v.

By Vanity Fair