free essay vocational education good hook for essay travelling essay writing narrative essay definitions tok essay noam chomsky twelfth night character analysis essay

Inga Verbeeck

Aaaaah l’amourrrrr

The good life June 18th, 2014

La sede centrale è sull’Avenue Hoche, a due passi dall’Arco di Trionfo.

A Parigi, la città degli innamorati, non poteva essere diversamente. Un palazzo d’epoca, splendido, maestoso che profuma di benessere, dove sono ospitati anche uffici di avvocati di prim’ordine, banche e via di questo passo. In linea principio è qui che si dovrebbe poter incontrare Inga Verbeeck, invece non la trovi quasi mai, impegnata com’è a volare da una filiale all’altra, incontrare persone, aprire nuove sedi, gestire, dirigere e decidere. Lavora come una forsennata, le piace da matti il suo business, lo si percepisce ogni volta che la incontri. La classica business woman da movie hollywoodiano, bionda e letale, appariscente e determinata, una specie di sogno proibito che di mestiere, invece, cerca di soddisfare e far diventare realtà i sogni e le aspettative degli altri. Si, perché la sua Berkeley International (www.berkeley-international.eu) è la maggior agenzia matrimoniale al mondo, la più esclusiva e, aspetto più importante, la meno interessata a creare false aspettative. Ha saputo creare un mondo solido, con una reputazione altrettanto solida: niente avventure, niente incontri superficiali, d’altronde lo dice fin dall’inizio: “Per storie di una notte non venite da noi, non siamo interessati”. Si, ma come funziona? Perché la sua Berkeley è diversa? Quanto costa? Dopo quanti incontri trovi l’anima gemella? A chi puoi rivolgerti? In che paese hanno le loro sedi? Ce lo racconta lei stessa, con il piglio della manager di ferro. “Abbiamo una struttura ormai capillare a livello mondiale: New York, Londra, Parigi, Amsterdam, Geneva, ovviamente Milano. Ecco, in Italia, notiamo un gran fermento positivo; siamo arrivati di recente eppure il numero di persone che si rivolgono a noi è in continuo aumento, il che ci piace. Per entrare a fare parte del mondo Berkeley ci vogliono 10.000 euro l’anno, ma è solo il fee base. Perché con questa somma hai la possibilità di scegliere un compagno solo del tuo paese. Per 15.000 euro si allarga la scelta a due paesi: solitamente si va verso paesi con affinità intellettive, di lingua, di abitudini, religione o altro. 25.000 euro mettono a disposizione la nostra banca dati dell’intero Continente, con 50.000 quella dell’intero mondo. Ad alcuni sembrerà strano e folle che una persona, donna o uomo che sia, con una tale possibilità economica e un alto livello sociale stenti, fatichi a trovare la felicità coniugale. Invece accade: per mancanza di tempo, perché si lavora tanto, perché l’ottanta per cento degli uomini non osa chiedere ad una donna di uscire, temendo il rifiuto. Mediamente noi garantiamo un numero di otto incontri l’anno, anche se di media ne bastano sei per trovare la persona ideale con la quale iniziare un rapporto. Per rimanere in Italia, l’uomo preferisce un tipo di donna rassicurante e non del suo paese, così come anche l’opposto sesso, che vorrebbe un compagno inglese oppure nordico. L’unico problema, a livello internazionale? Le aspettative troppo alte”.

Berkeley International - Press - Italy - 20140618 - Good Life

by The good life